08.02.2012 08:41:53   /   bonus.ch - News   /   Assicurazione

Assicuratori svizzeri stabili e in solida crescita

Con il comparatore dei premi di assicurazione malattia, i nostri consigli e suggerimenti, potrete trovare una cassa malati adatta alle vostre esigenze e risparmiare.

Le forti perturbazioni dei mercati finanziari non hanno impedito all'industria svizzera dell'assicurazione di affermarsi, una volta di più, quale elemento stabilizzatore dell'economia elvetica. Malgrado un periodo contrassegnato da gravi sinistri provocati da catastrofi naturali, gli assicuratori hanno registrato l'anno scorso buoni risultati, e possono vantare una crescita costante nel settore dell'assicurazione danni. Ancora una volta in forte progressione il volume di premi nel settore dell'assicurazione collettiva sulla vita.

Zurigo, 3 febbraio 2012 – L'esercizio 2011 è risultato, globalmente, positivo per gli assicuratori privati svizzeri, che dovrebbero presentare nelle prossime settimane un bilancio dell'attività operativa qualificabile come solido/buono. Ancora una volta, l'anno appena concluso è trascorso nel segno di una rigida disciplina finanziaria in materia di budget. Il costante sforzo del settore, teso al miglioramento delle attività operative, all'aumento della redditività e a una gestione del rischio rigorosa, ha dato i suoi frutti.

Prosegue la crescita dell'assicurazione danni

Il volume di premi per l'assicurazione danni risulta globalmente in costante crescita nel 2011, sebbene lo sviluppo sia meno pronunciato rispetto agli anni precedenti. Sull'intero anno, prendendo in considerazione tutte le società e tutti i rami assicurativi, la crescita registrata per il volume di premi è dell'1,4% rispetto al 2,9% dell'anno precedente.

Anche nel settore dell'assicurazione auto il volume di premi è in crescita, con uno sviluppo del 2,8%, mentre un lieve calo – 0,5% in meno – si registra per il 2011 nel settore dell'assicurazione infortuni.

Assicurazione sulla vita ancora a gonfie vele

Il 2011 vede il consolidarsi della tendenza all'incremento nel volume di premi del settore assicurazione vita. Nonostante il contesto permanga estremamente sfavorevole a causa dell'evoluzione dei tassi – che restano molto bassi – e della valuta, l'insieme del settore assicurazione sulla vita individuale e collettiva in Svizzera ha registrato nel 2011 una netta progressione del volume di premi, ovvero il 3,3%.

Le assicurazioni collettive sulla vita proseguono la loro impennata e continuano ad affermarsi a scapito dell'assicurazione vita individuale. Nel 2011, il volume di premi generato dalla branca vita collettiva ha rappresentato oltre il 70% dell'insieme degli affari dell'assicurazione vita: una progressione del 5,3% rispetto all'anno precedente. Gli assicuratori sulla vita svizzeri attivi nel ramo hanno dunque ancora una volta registrato un forte sviluppo, e continuano a poter vantare una performance eccezionale.

Seppure in misura minore rispetto al 2010, non si è arrestato invece nemmeno quest'ultimo anno il calo del volume di premi nel settore dell'assicurazione vita individuale in Svizzera: un calo che si attesta intorno all'1,3%. I premi periodici dovrebbero attestarsi allo stesso livello dell'anno precedente, mentre i premi unici nel ramo vita individuale si confermano in discesa.

Anche a causa di tasse pubbliche, come l'imposta di bollo del 2,5% sull'assicurazione vita individuale a premio unico, rimane stabile l'interesse per le polizze di assicurazione vita individuale abbinata a fondi di investimento, che rappresentano quasi il 34% dell'insieme del volume di premi della categoria. Il volume di premi delle assicurazioni sulla vita abbinate a fondi di investimento a premio unico registra una progressione meno netta rispetto all'anno passato, ma che si attesta nondimeno intorno al 3,6%; quanto alle assicurazioni sulla vita abbinate a fondi di investimento a premi periodici, la crescita è dello 0,6%.

Combined Ratio (rapporto sinistri/spese)

L'anno 2011 è stato contrassegnato nel mondo intero da un certo numero di gravissimi sinistri occorsi a séguito di catastrofi naturali (tsunami in Giappone con la conseguente minaccia nucleare, inondazioni in Thailandia), le cui conseguenze economiche si calcolano in somme da record ; tali sinistri hanno influito pesantemente sui risultati degli assicuratori attivi a livello internazionale. In Svizzera, i costi dei danni naturali sono stati più alti rispetto all'anno precedente, essenzialmente a causa di inondazioni e grandinate particolarmente distruttive. Il settore svizzero dell'assicurazione privata presenta tuttavia un'evoluzione globalmente positiva per l'anno appena trascorso. Il combined ratio – ovvero il rapporto tra la somma dei sinistri e delle spese – dovrebbe attestarsi intorno al 95%. Nell'esercizio 2011, le compagnie di assicurazioni hanno registrato benefici e risultati positivi anche a livello di core-business, evitandone così la sovvenzione tramite redditi di capitale. È un chiaro risultato del business model degli assicuratori svizzeri, i quali applicano una politica improntata alla prudenza in materia di investimenti.

Investimento di capitali

Tassi d'interesse deboli, debito pubblico molto elevato, investimenti all'estero eccessivamente rischiosi e un mercato azionario estremamente volatile: una serie di fattori che hanno influito incessantemente in modo negativo sugli investimenti di capitali, impegnati nel tentativo di mantenere l'equilibrio – la penuria di investimenti a lungo termine privi di rischi è reale. Anche un pesante squilibrio monetario contribuisce a penalizzare la situazione in Svizzera: il mercato nazionale degli investimenti si è notevolmente ridotto. Malgrado un contesto così difficile, gli assicuratori privati presentano risultati economici di tutto rispetto, qualificabili come solidi/buoni.

« Il settore svizzero dell'assicurazione registra buoni risultati da una decina d'anni, presentando una crescita costante e durevole », dichiara Urs Berger, presidente dell'Associazione Svizzera d'Assicurazioni ASA. « Attraverso il contributo che forniscono al prodotto interno lordo (PIL), il gettito fiscale e i posti di lavoro che consentono di generare, gli assicuratori privati svizzeri costituiscono un elemento stabilizzatore per la piazza finanziaria svizzera. Forti di una crescita ancora una volta solida nel 2011, hanno tutte le armi per proseguire a gonfie vele sfruttando la tendenza favorevole ».

Fonte: ASA, Associazione Svizzera d'Assicurazioni, febbraio 2012, tradotto in italiano da bonus.ch

     

 
Politica di diffusione per la nostra rubrica "news"  

Assicurazioni complementari

 

Comparatore delle assicurazioni complementari ospedaliere

Risparmiate ottimizzando le assicurazioni complementari!

Pubblicità

I nostri recapiti

 

bonus.ch SA
Av. de Beaulieu 33
1004 Lausanne, Suisse
Tel : +41 (0)21 312 55 91

Contattateci
Patrick Ducret, il nostro direttore

Patrick Ducret su Google+

La nostra missione, farvi risparmiare

Info consumatori

Non perdete più una sola occasione di risparmiare. Tutti i nostri comparatori, consigli e dritte nei settori assicurazione, finanze, prodotti di consumo e molto altro ancora per voi...

Unitevi alla community

Restate sintonizzati, scoprite tutti i consigli e i suggerimenti per risparmiare su:

bonus.ch su facebook @bonusNewsIT su Twitter bonus.ch youtube Abbonarsi al feed RSS

bonus.ch vi è stato utile? Raccomandate il sito a un amico

Informazioni su bonus.ch

Chi è bonus.ch? Come funzionano i comparatori? Richieste stampa, partnership, pubblicità...

Tutte le info su bonus.ch

© 2004-2017 copyright bonus.ch SA  -  Mappa del sito